5 luglio 2020

[Ispirazioni] Come rilassarsi in vacanza


La vita di tutti i giorni è sempre più caotica, l’obiettivo delle nostre giornate è fare quante più cose possibili.
Correre di qua, correre di la e, giunta la sera, ci assale l’ansia di non aver fatto abbastanza, il tormento
di non aver concluso tutto.
Ai giorni nostri la parola d’ordine è “Produzione”!
Siamo inseriti in un meccanismo opprimente che ci costringe a produrre, quasi che il tempo non sia più nostro, che la vita stessa non sia più nostra!
Ma ora è tempo di vacanza!
In inglese “vacanze” si dice “holydays”, se proviamo a tradurlo significa “giorni sacri” ed è proprio vero, sono giorni estremamente importanti e speciali per ricaricare le energie e ritrovare il nostro equilibrio interiore.
Quindi fermati e rilassati!
Purtroppo non è sempre così facile. Le vacanze arrivano, si preparano le valige, si corre a comprare le cose che mancano, si parte e si arriva, ci si sistema e poi?
Giunge finalmente quel momento speciale in cui si deve compiere uno sforzo notevole e lasciare la vita di prima dietro le spalle per trovare, così, un po’ di pace.
Ma come si fa?

29 giugno 2020

"La lettrice testarda" di Amy Witting


Titolo: La lettrice testarda § Autrice: Amy Witting § Pagine: 176
Casa editrice: Garzanti § Genere: Narrativa contemporanea

Isobel ha nove anni e il suo compleanno si avvicina. Ma, come ogni volta, non ci saranno regali per lei. C'è solo una cosa che fa volare Isobel lontano dalle rigide regole che la famiglia le impone: leggere. Ma deve farlo di nascosto perché sua madre crede che non sia un'attività adatta a una bambina, che dovrebbe limitarsi a riordinare la casa e a preparare la cena. Isobel cresce alimentando la sua passione segreta di notte, alla luce di una flebile candela. Finché, a sedici anni, la sua vita non cambia radicalmente, quando è costretta a lasciare tutto, cercarsi un lavoro e una nuova sistemazione. È la prima volta che Isobel si scontra con il mondo. Con un mondo che non è solo la sua famiglia e il suo quartiere. È convinta di non avere gli strumenti per relazionarsi con gli altri. Le sembra di dire la cosa sbagliata, si sente fuori luogo. In fondo sua madre l'ha fatta sempre sentire così. Tanto che, quando incontra un gruppo di ragazzi che amano i libri come lei e passano le serate a discuterne, Isobel all'inizio rimane in silenzio. Ora che finalmente è in un contesto in cui può essere sé stessa, in cui può parlare liberamente di letteratura, ha paura. Ma piano piano le parole di Byron, Auden e Dostoevskij fanno breccia nelle sue insicurezze e le insegnano il coraggio di dire quello che pensa. Di far valere la propria opinione senza nascondere la cultura che si è costruita negli anni con le sue letture. Di aprire il cassetto in cui riposa il suo sogno. Il sogno di prendere una penna in mano e liberare quel flusso di parole che ha trattenuto per troppo tempo. Perché anche per una donna tutto è possibile.
Il primo pensiero che ho avuto riguardo a questo romanzo è che non era quello che mi aspettavo, forse ho interpretato male la trama, forse avevo in mente il romanzo della connazionale della Witting, Madeline St. John “Le signore in nero”, e pensavo di avere per le mani una storia di donne con la stessa freschezza.
Purtroppo i due libri non si assomigliano per niente e, nonostante la lettura di “La lettrice testarda” sia stata scorrevole, non sono riuscita ad apprezzarla a pieno.
La prima parte racconta di un’Isobel bambina che vive nell’incubo costante di una madre che la maltratta, una donna insopportabile che adora la figlia maggiore a cui viene concesso tutto e non sopporta la minore, Isobel.
Tutti si accorgono di quanto la bambina sia sminuita, demolita psicologicamente dalla madre ma nessuno fa nulla, ne il padre assolutamente inesistente, ne la sorella che ne approfitta in modo spudorato e cinico.
Isobel allora trova rifugio nei libri, le storie contenute nelle pagine di un romanzo le permettono di uscire dalla vita orribile che conduce in famiglia. 

24 giugno 2020

[Questa volta leggo...] "La ragazza falco" di Joseph Elliott


Titolo: La ragazza falco § Autore: Joseph Elliott § Pagine: 312
Casa editrice: Mondadori § Genere: Fantasy, Avventura, Libri per ragazzi

Agatha è un Falco, impavido e fiero. Con orgoglio pattuglia le mura della sua enclave per sventare gli attacchi dal mare: è il suo compito sebbene qualcuno nel suo clan insinui che non dovrebbe averne uno per via della condizione con cui è nata. Jaime, riflessivo e ansioso, è una Manta ma ha il terrore del mare. Sulle sue spalle pesa un'enorme responsabilità: rinnegando il divieto di sposarsi che vige da generazioni sull'isola di Skye, gli anziani hanno offerto la sua mano a una ragazza di un vicino clan per rafforzare le alleanze. In realtà tacciono una minaccia che significherebbe la fine per tutti loro. Quando il nemico li assale, uccidendo e rapendo i sopravvissuti sotto i loro occhi, Agatha e Jaime intraprenderanno un pericoloso viaggio fino in Norveg per salvarli. Ma prima dovranno attraversare la Scotia, l'arcana terraferma dove, dopo la peste, si dice siano morti tutti e si aggirino solo terribili bestie e le ombre assassine. Non sanno che qualcuno è ancora vivo, né che il segreto dono di Agatha potrà cambiare le loro sorti... 
Buongiorno lettori, con questa recensione partecipo al Gruppo di Lettura "Questa volta leggo", tema del mese di Giugno: un libro Fantasy.

Siamo nella selvaggia isola di Skye, qui la popolazione vive suddivisa in clan, ogni clan ha sette Anziani che lo guidano e regole ben precise, tutto ciò che non è bene è duth, come piangere, lamentarsi, arrabbiarsi, sposarsi, saper usare la magia, non sentirsi in sintonia con il ruolo assegnato all’interno della comunità.
Agatha è un Falco, il suo compito è percorrere le mura che proteggono il clan e sorvegliare il vasto mare del Nord, Jaime è una Manta, tutti i giorni deve salire su una nave e andare a pesca per procurare il cibo necessario. 

20 giugno 2020

"La campana in fondo al lago" di Lars Mytting

Titolo: La campana in fondo al lago § Autore: Lars Mytting § Pagine: 480
Casa editrice: Dea Planeta § Genere: Realismo magico, Drammatico, Storico

Norvegia, 1879. Nel piccolo villaggio di Butangen sorge una chiesa dalla bellezza austera e sublime. È un’antica stavkirke, interamente costruita in legno e intrisa di memoria, di leggende e di magia. È qui – tra i banchi spolverati di neve e un freddo capace di gelare il midollo – che un tempo si poteva ammirare l’ultimo arazzo tessuto dalle dita instancabili di Halfrid e Gunhild Hekne, gemelle siamesi unite “per la pelle” dalla vita in giù. Ed è sempre qui che le campane realizzate dal padre in loro onore rintoccano da sé, misteriosamente, ogni volta che una minaccia incombe sulla valle… Fino al giorno in cui il nuovo pastore decide di disfarsene nel nome del progresso e delle proprie ambizioni. Ma il reverendo non ha fatto i conti con Astrid Hekne, indomita discendente di Halfrid e Gunhild, disposta a tutto, anche all’inganno, pur di difendere le “sue” campane e sfuggire a un futuro che sembra già scritto. 
Non so proprio da dove cominciare per parlarvi di questo libro, è stata una lettura intensa, travolgente, ho amato tutto: l’ambientazione, i personaggi, lo stile e la storia.
Con questa premessa avrete già capito quanto questo romanzo mi sia rimasto nel cuore!
Siamo a Butangen, un piccolo paesino della Norvegia, è il 1879 e il nuovo parroco ha assolutamente bisogno di una nuova chiesa, in paese, infatti, c’è un’antichissima stavkirke, una chiesa norrena costruita completamente in legno, è vecchia, malandata, fredda ma è intrisa di memorie, di magia e di leggende.
La chiesa è legata alla storia di Halfrid e Gunhild Hekne, due gemelle siamesi nate attaccate dalla vita in giù, insieme tessevano arazzi di una bellezza unica e, alla loro morte, il padre fece realizzare due campane gemelle in argento perché, dall’alto della stavkirke, risuonassero nella valle.

18 giugno 2020

[Cover Reveal] "Guarda oltre ciò che vedi" di Emanuela A. Imineo


Ci siamo, finalmente possiamo iniziare a rivelarvi la copertina del nuovo manuale sui Tarocchi e il loro utilizzo come metodo divinatorio, di Emanuela A. Imineo creatrice del blog Il mondo di sopra (www.ilmondodisopra.it)
Da oggi sul sito dell'autrice, i primi venti lettori che preordineranno il libro utilizzando il modulo di contatto, riceveranno a casa anche un mazzo di tarocchi per iniziare a divinare e a scoprire il futuro.


Guarda oltre ciò che vedi
Emanuela A. Imineo (Il mondo di sopra)
Prezzo: 4,99€ ebook, 13,00€ cartaceo
Pagine: 158

Hai mai pensato di provare a guardare oltre ciò che riesci a vedere?
Guarda oltre ciò che vedi, manuale sull'arte dei tarocchi e sul loro utilizzo, ti aiuta a scoprire il significato di ogni singola carta e ti indica come realizzare alcuni schemi e stese per individuare il futuro e alzare quel velo tanto misterioso.
Una piccola raccolta di spiegazioni ed esercizi in cui potrai trovare il significato più semplice e approfondire la comprensione di figure tanto simboliche quanto ricche di dettagli.