21 dicembre 2018

"La città di Sabbia" di Laini Taylor


Non è un segreto che io abbia amato alla follia La chimera di Praga (primo volume di questa serie) e Il sognatore (primo volume della dualogia di cui aspetto il seguito con ansia, La musa degli Incubi), ormai lo sanno anche i muri che ho un debole per la Taylor e che tutto, ma proprio tutto, quello che scrive mi colpisce dritta al cuore.
Sarà il suo stile così poetico, particolareggiato e ipnotico o la sua capacità di creare storie indimenticabili, uniche e travolgenti che me la fanno amare tanto ma, sicuramente, lei è l’autrice top del mio 2018!
La rivelazione!
Un colpo di fulmine che non ha lasciato scampo!
Quindi, se non avete ancora letto nulla di suo e amate il genere fantasy, correte a farvi un bel regalo!
Oggi parliamo di La città di Sabbia, secondo capitolo della trilogia dedicata al mondo delle chimere e degli angeli.


Titolo: La città di Sabbia § Autore: Laini Taylor § Pagine: 472
Casa editrice: LainYa-Fazi Editore § Genere: Fantasy

Dopo aver viaggiato nello straordinario mondo de La chimera di Praga e aver scoperto i segreti di Karou, allieva di uno stregone e talentuosa disegnatrice, chimera dai capelli blu che si innamora pericolosamente di Akiva, un serafino bellissimo, ecco il secondo tempo di questa grandiosa avventura, figlia della penna di una scrittrice già finalista al prestigioso National Book Award.
La studentessa d’arte Karou ha finalmente le risposte che ha sempre cercato. Sa chi è e cosa è. Ma, insieme a questa scoperta, un’altra verità affiora in superficie, una realtà che la ragazza farebbe di tutto pur di ignorare: ha amato un ragazzo che le è nemico, lui l’ha tradita e per questo il suo mondo è sconvolto. Ora, in una kasbah dimenticata nel deserto del Marocco, Karou e i suoi alleati si preparano a uno scontro definitivo contro l’armata dei serafini e sotto la luce delle stelle plasmano creature di potente forza distruttiva. Akiva, legato dall’appartenenza all’esercito degli angeli, ma gravato da un profondo conflitto interiore, inizia a progettare un altro tipo di battaglia: quella per il riscatto. Per la speranza. Costellato da scene drammatiche e scenografie impossibili, La città di sabbia porta i due protagonisti sui fronti opposti di una guerra antichissima che ha acquistato nuovo vigore. In una dimensione fantastica descritta nei minimi particolari, Laini Taylor dà vita a un mondo intero dove la combattuta storia d’amore tra Karou e Akiva diventa il simbolo della lotta per la pace universale.
Ma la speranza può rinascere dalle ceneri dei sogni infranti?
Parola chiave di questo libro è la sofferenza, che sia fisica o psicologica non cambia molto, le pagine ne sono intrise, ce né così tanta da traboccare e raggiungere il lettore.


Tanto tempo fa
Un angelo e un diavolo strinsero fra le mani
Un osso del desiderio. 

E il suo schianto spaccò il mondo in due.
Karou ha scoperto la verità sul suo passato e Akiva non ha potuto non rivelarle la realtà dei fatti: accecato dal dolore per la perdita di Madrigal, è diventato la Sciagura delle Bestie, ha distrutto Loramendi e ucciso grande parte delle chimere tra cui Sulphurus e la famiglia di Karou.
La ragazza fugge da Akiva e dal sentimento che prova per lui, l’odio sovrasta l’amore e, tra le rovine di Loramendi, distrutta e devastata dal dolore, Karou troverà una nuova ragione di vita: la vendetta!
Insieme a Thiago, unico sopravvissuto al massacro, si rifugerà in una kasbah nel deserto del Marocco e lì, diventerà il nuovo resuscitatore.
Per più della metà del romanzo Karou è un grumo di rimpianti e dolore, sola e senza forza, diventa una pedina nelle mani di Thiago.
Non riesce a opporsi al lupo bianco, rinnega se stessa, il suo amore per Akiva e nutre emozioni oscure di disprezzo per il suo passato e per quel sentimento che l’ha accecata fino a fidarsi del nemico.
Akiva, invece, cerca di redimersi aiutando le chimere, vuole salvarle e ordisce un complotto molto ambizioso e pericoloso per stravolgere i piani di suo padre.
Desidera un mondo migliore, un luogo, dove non ci sia più la guerra, la morte e la violenza.
Ma com’è possibile cancellare anni di odio?
Come si può sopravvivere a un conflitto così sanguinoso e terribile?
Questo secondo capitolo è complesso e articolato, la Taylor introduce molti personaggi nuovi, ci sorprende con vari punti di vista dai quali scopriamo una realtà vasta e particolareggiata, un mondo unico fatto di città, misteri e popoli diversi.
L’autrice riesce a darci l’idea dell’enorme lavoro che c’è dietro a una vicenda così intensa e complicata, le storie s’intrecciano costantemente e per parecchi capitoli il lettore si sente smarrito, ma, con una destrezza incredibile, la
Taylor, in poche pagine, tira tutti i fili e il quadro diventa improvvisamente chiaro e perfetto.
La prima metà del libro risulta un po’ lenta e carica di emozioni fortemente negative soprattutto legate al personaggio di Karou, a molti non è piaciuta ma io l’ho trovata giusta, la ragazza ha subito un dolore e una sofferenza enormi e la sua reazione è legittima e normale.
In preda alla disperazione la riscopriamo depressa, afflitta e senza forze, si lascia guidare da Thiago, non vuole prendere decisioni e si sente oppressa da un forte senso di colpa.
Ovviamente questa Karou mi ha lasciato l’amaro in bocca ma il suo risveglio è incredibile e i capitoli finali si divorano in un lampo!
Un personaggio che ho amato moltissimo è Akiva, appare completamente opposto a Karou, lui luminoso e lei oscura, disposto a prendere decisioni importanti e pronto a tutto pur di lottare, intenso, vivo e lucido nonostante la disperazione che lo avvolge.
Non smette mai di amare Karou e, anche se il loro legame è contrastato da tutto e da tutti, è presente e palpitante!
Anche in questo romanzo troviamo i temi tanto cari alla Taylor: conflitti etnici, guerre civili, situazioni in cui l’odio per il diverso e il desiderio di dominio danneggiano intere generazioni cancellando tradizioni, famiglie e culture.
Un messaggio chiaro, forte e attualissimo.
Il finale mi ha lasciata piena di domande e con una voglia incredibile di proseguire la lettura, per ora mi butto sulla novella e poi, a gennaio, il terzo libro.
Consigliatissimo, leggetelo!

Valutazione


5 commenti:

  1. sono sulla tua stessa linea di pensiero, ho amato questo romanzo, anche la parte iniziale più lenta. Sofferenza pura

    RispondiElimina
  2. Che bella recensione, complimenti.

    RispondiElimina
  3. La storia fatica a decollare, ma dire che l'autrice tira i fili è il minimo perchè l'arazzo è piuttosto grande!
    La sofferenza è davvero grande da ambo le parti. Karou non riesce a reagire, offuscata da rabbia e dolore. Akiva invece è solo disperazione, ma non è offuscato dalla vendetta. Solo dalla voglia di migliorare le cose per gli altri, per sé sa che non c'è speranza.
    Ed ora voliamo verso il terzo volume!

    RispondiElimina
  4. Ciao, bella recensione!
    Finalmente ho letto questo libro ( qui la mia recensione ), dopo secoli dalla sua uscita e da quando ho iniziato la serie, ups!
    Sicuramente il punto di forza della serie è Karou, forte e determinata (e intelligentemente obiettiva quando pensa al sentimento che lega lei e Akiva), l’unica cosa che mi ha permesso di andare avanti e superare la prima parte un po’ noiosa e priva di avvenimenti - a mio parere.
    Per fortuna poi il ritmo si riprende da metà in poi e il libro cambia completamente, diventando molto più gradevole.
    Insomma, bello, ma speriamo il terzo sia sensazionale!
    Un abbraccio, Rainy

    RispondiElimina