12 febbraio 2021

"Tinder" di Sally Garder


Titolo: Tinder § Autrice: Sally Gardner § Pagine: 265
Casa editrice: Rizzoli § Genere: Fiaba dark, Retelling, Middle Grade

Ferito in battaglia, il giovane Otto volta le spalle alla Morte, e viene soccorso da un misterioso indovino, che gli regala sei dadi magici, e gli predice l'incontro con l'amore della sua vita. Grazie a un misterioso e potente acciarino, quelle parole sembrano avverarsi, ma ogni desiderio ha un prezzo ... Ispirato a "L'acciarino magico" di Hans Christian Andersen, non è solo una fiaba dark per giovani adulti, ma anche una metafora inquietante sui segni che la guerra lascia a chi ha avuto la sfortuna di prendervi parte in prima linea.
Buongiorno cari lettori, oggi parliamo di un libro per ragazzi che ho scoperto grazie a Seli del blog "Ombre angeliche", si tratta di Tinder, una fiaba dark emozionante e cupa che mi ha letteralmente conquistata. 
Parto con il darvi alcune informazioni, per scrivere questo romanzo l'autrice ha preso spunto dalla fiaba L'acciarino magico di Hans Christian Andersen, una storia anch'essa molto dark che leggevo spesso da piccola. 
Inoltre la Gardner ha creato la psiche del personaggio principale basandosi sulle testimonianze dei reduci della guerra in Afghanistan e in Iraq, proprio per questo nonostante Tinder sia molto onirico e magico, è al tempo stesso crudo, duro e reale. 

Una volta, in tempo di guerra, quando ero un soldato dell'Esercito Imperiale, vidi la Morte camminare. Portava sul teschio una corona avvizzita fatta di ossa e biancospino fresco attorcigliato, e alle sue spalle si stringevano gli spettri dei miei commilitoni di recente strappati, ancora giovani, alla vita. 
 

Otto è un soldato sopravvissuto a una battaglia atroce, risvegliatosi in mezzo ai corpi dei compagni caduti vede per la prima volta la morte e da quel momento la sua vita non sarà più la stessa. 
Salvato da uno stregone, parte per ritornare a casa ma nella foresta che deve attraversare farà strani incontri e conoscerà l'amore, la morte però sembra essergli sempre addosso, volti cerei e cadaveri sanguinanti lo perseguitano riempiendo le notti di incubi e le giornate di paura, strane creature, forse lupi giganteschi lo seguono nella foresta, Otto è disperato, ferito e affamato quando, tra le nebbie, si dipana davanti a lui un inquietante castello. 
Questa storia è ricchissima di colpi di scena, Otto dovrà affrontare molte prove, la sua forza d'animo è immensa nonostante il dolore e la perdita che porta nel cuore. 
Una fiaba dark, dalle tinte fosche, cupe, resa ancora più intensa dalle illustrazioni che si susseguono in una miriade di immagini tristi, inquietanti, da brivido. 
Ovviamente stiamo parlando di un libro per ragazzi, direi grandicelli ma pur sempre una lettura per un pubblico giovane, quindi ci sono scene paurose ma mai eccessive, non è facile scrivere una storia come questa e renderla accessibile a un così grande numero di lettori perché Tinder può essere letto a qualsiasi età, e questo, è meraviglioso. 
E ora spendo due parole sul finale: "First reaction! Shock!", scherzi a parte, il capitolo conclusivo mi ha lasciata basita, sconvolta, l'ho riletto, ho cercato pagine che magari mi erano sfuggite.
Ecco, direi che non mi sarei mai aspettata un finale tanto spiazzante e allo stesso tempo così azzeccato!
Un libro assolutamente consigliato!





1 commento: