-->

6 giugno 2017

"Red" di Kerstin Gier

Buon martedì cari lettori, in questi giorni ho avuto la possibilità (grazie a Sky) di vedere i film tratti dai libri della Gier, tre pellicole girate in Germania davvero carine e ben fatte. Ovviamente ricordavo abbastanza bene la storia e mi ha fatto davvero piacere fare un ripasso. Proprio per questo ho deciso di riproporvi le Recensioni dell'intera trilogia (un po' alla volta). Ho letto Red sull'e-reader e quando l'ho finito ero sbalordita della velocità con cui l'avevo divorato, non avendo il cartaceo non mi ero resa conto che la narrazione fosse fluita così rapida. Questo è sicuramente un bel punto a favore ma procediamo con ordine, come sempre mi lascio trascinare!


"Chi crede al caso non ha compreso il potere del destino."
Conte di San Germain

Come vi dicevo prima il libro è davvero scorrevolissimo, la scrittura semplice e ricca di dialoghi rende la lettura veloce e piacevole.
In alcuni momenti però avrei preferito rallentasse un po' per assimilare il numero incredibile di informazioni che si ricevono in pochissime pagine.
La storia inizia con un prologo nel quale Lucy e Paul, due viaggiatori nel tempo, cercano di trovare una soluzione al loro problema: devono nascondere un segreto che sarà poi il fulcro del romanzo.
La narrazione prosegue ai giorni nostri, qui incontriamo Gwendolyn: una ragazza adolescente che abita a Londra, la sua vita non è come quella tutti i sedicenni perché Gwen appartiene a una famiglia di viaggiatori nel tempo e ha il dono di vedere gli spiriti.
Ogni generazione presenta un viaggiatore e dovrebbe essere la perfetta cugina
Charlotte a rivestire questo ruolo.
Tra le due ragazze vi sono notevoli differenze: Gwen è mora con gli occhi azzurri, molto bella anche se non se ne rende conto, spigliata e allegra vive i suoi giorni in compagnia della sua migliore amica un po' schizzata. Charlotte è rossa con occhi verdi, perfetta e algida viene invidiata da tutti, fin da piccola ha ricevuto un educazione molto rigida e particolare, in quanto futura viaggiatrice è stata addestrate e istruita per lunghi anni.
Tutta la famiglia vive riunita in una grande villa vittoriana e non si tratta certo di un gruppo normale: l'algida e severa nonna materna, la zia un po' matta che ha visioni sul futuro, ovviamente la cugina e la madre di Gwendolyn seguita da sorella e fratello.
Una gran carrellata di personaggi.
Le informazioni con cui si viene bombardati sono davvero molte e aumentano sempre più quando sarà Gwen a saltare nel passato e non Charlotte.
La ragazzina verrà così catapultata nel mondo dei viaggiatori del tempo e scoprirà che esiste una vera e propria loggia, i Guardiani, che gestiste la faccenda da secoli.
Insieme a lei verremo a conoscenza dell'esistenza delle due famiglie con il gene dei viaggi nel tempo: i Montrose per la discendenza femminile e i De Villiers per quella maschile.
Le novità sono ancora molte e la vita di Gwen non sarà più la stessa, lei infatti è la dodicesima viaggiatrice, colei che chiude il cerchio, che ha il potere del corvo, il rubino.
Ma la ragazza non percepisce il peso che grava sulle sue spalle e, missione dopo missione, prende le cose con leggerezza finché l'incontro con il Conte di Saint Germain, fondatore dell'ordine dei viaggiatori nel tempo, non le aprirà gli occhi.
Da questo momento in poi tutto ruoterà intorno al tema del prologo ma non aggiungerò altro perché non voglio togliervi il piacere del finale.
Gwendolyn dovrà cercare di capire cosa fare e dovrà scoprire di chi può fidarsi, tutto è confuso e incerto per lei. Come se non bastasse entra in scena l'Amore, Gwen avrà un compagno di viaggi: il bellissimo e antipatico Gideon.
Il discendete dei De Villiers è stato addestrato fin da bambino per questo ruolo, l'improvvisa apparizione di Gwendolyn al posto di Charlotte lo destabilizza, dal suo punto di vista Gwen è una povera imbranata che non essendo preparata gli creerà solo problemi.
Tra i due nascerà un certo attrito ma anche una grande attrazione e con il tempo Gideon si dovrà ricredere.
Il libro è davvero avvincente, ricco di colpi di scena ed episodi divertenti, non mancano i momenti di suspance e la presenza di qualche
personaggio un po' inquietante.
In questo primo volume vengono date un sacco di informazioni base e i personaggi che si incontrano pagina dopo pagina sono davvero moltissimi, in alcuni casi forse un po' troppi, tanto che in alcuni momenti si rischia davvero di far confusione.
Le varie epoche sono descritte molto bene ed è facile immergersi nello scenario immaginando i nostri personaggi su sfondi sempre nuovi e diversi.
L'unica pecca che ho trovato è nella protagonista, purtroppo Gwendolyn non sembra essere un'adolescente, in alcuni momenti mi ha dato l'idea di una ragazzina molto più piccola dei suoi sedici anni: prende tutto come se fosse una burla, scherza su qualsiasi cosa, non da molto peso agli avvertimenti che le vengono dati, non rispetta le regole. Insomma, in alcuni momenti l'ho trovata davvero infantile!
Ovviamente le battute che lei e la sua amica Leslie si scambiano hanno fatto ridere anche me ma avrei preferito un personaggio che fosse ironico ma anche abbastanza maturo da non minimizzare e scherzare su tutto.
In fin dei conti la vita di Gwen viene completamente ridimensionata, corre pericoli, rischia la vita ma dopo un primo sconforto o spavento ritorna sempre a fare il giullare!
Nel complesso il libro mi è piaciuto, l'ho trovato originale e divertente, il susseguirsi degli eventi è rapido e incisivo, il finale è stato capace di lasciarmi davvero sulle spine per non parlare dell'epilogo fantastico.
L'intreccio nonostante sia molto complicato è chiaro e ben pensato, i misteri da scoprire sono davvero tanti quindi non resta altro da fare che leggere il seguito!

Valutazione



AUTRICE: Kerstin Gier vive con marito e figlio vicino a Bergisch Gladbach, in Westfalia. Alla sua attività di insegnante ha affiancato dal 1995 quella di scrittrice. I suoi romanzi, come Männer und andere Katastrophen, da cui è stato tratto un film, Für jede Lösung ein Problem e Die Mütter-Mafia sono rimasti per mesi in vetta alle classifiche tedesche dei libri più venduti, ma è con la Trilogia delle Gemme  (Red, Blue, Green) che Kerstin Gier ha raggiunto il successo mondiale.


Qui trovate i link delle Recensioni degli altri capitoli della trilogia:

 

Nessun commento:

Posta un commento