-->

5 dicembre 2017

"Il ragazzo nuovo" di Tracy Chevalier

Il ragazzo nuovo di Tracy Chevalier fa parte di un importante progetto dedicato alle opere di Shakespeare: a quattrocento anni dalla morte del grande scrittore la Hogarth Press propone una collana di opere shakespeariane riscritte da grandi autori moderni.
La prima che Rizzoli ha portato in Italia è appunto Il ragazzo nuovo di Tracy Chevalier, una rivisitazione del famosissimo e drammatico Otello.
Adorando Shakespeare non potevo perdermi questi romanzi e non vedo l’ora che escano i successivi, qui sotto vi lascio la lista delle opere in programma che Rizzoli pubblicherà anche da noi, inoltre in fondo all’articolo ho riportato un riassunto molto ridotto ma curato dell’Otello originale, così potrete fare un ripasso prima di leggere il romanzo. Personalmente l’ho fatto e questo mi ha permesso di apprezzare molto di più la versione proposta dalla Chevalier, autrice che amo e di cui ho letto parecchi libri.

Margaret Atwood, La Tempesta
Tracy Chevalier, Otello
Howard Jacobson, Il mercante di Venezia
Jo Nesbø, Machbet
Anne Tyler, La bisbetica domata
Jeanette Winterson, Il racconto d’inverno 

L’estate è alle porte, manca solo un mese alla fine della scuola ma per Osei (Otello) Kokote è il primo giorno in un nuovo istituto.
Il ragazzo è abituato ai cambiamenti: figlio di un diplomatico ghanese, è costretto a spostarsi in continuazione, deve ricostruire legami, sopportare comportamenti crudeli e razzisti, dimostrare continuamente che può farcela.
Questa volta però sarà diverso perché Osei incontra Dee (Desdemona), una ragazzina dolce e spigliata che rimane subito folgorata dalla sua diversità.
Per la prima volta Osei non si sente solo, rifiutato o evitato per il colore della sua pelle o perché è sempre “quello nuovo”, per la prima volta ha trovato un’anima affine, una persona che lo apprezza per ciò che è e che non teme di dimostrarlo.
Tra Osei e Dee nasce un complicità immediata che si arricchisce di comprensione, curiosità e reciproca fiducia.
Quel mattino così simile a tanti altri, in cui Osei mette piede nel cortile della scuola, sconvolgerà le vite di moltissimi ragazzi.
Infatti il rapporto speciale che esplode tra i due giovani provocherà disappunto, invidia, ribrezzo e diffidenza.
Dee non una ragazzina qualunque ma una tra le più popolari della scuola, energica, piena di vita e super ammirata. Il suo interesse verso Osei darà molto fastidio a professori, amiche e corteggiatori.
Tracy Chevalier ha deciso di ambientare il suo Otello nell’America degli anni Settanta, un periodo storico molto difficile e ricco di contraddizioni
in cui il razzismo è molto forte e sedimentato.
Osei, infatti, ha a che fare continuamente con i pregiudizi dei bianchi, la lista è infinita e calandoci nella mente del ragazzino rimaniamo agghiacciati da quello che è costretto a sopportare. Per lui Dee è una luce meravigliosa che gli da gioia e serenità, un faro in mezzo alla notte, un sole che brilla regalandogli momenti che non aveva mai sperato.
Il loro legame è talmente intenso da risaltare in mezzo a tutto.
Le vicende narrate si dipanano nel corso di una giornata, dalla campanella di inizio fino a quella che sancisce la fine delle lezioni nel tardo pomeriggio.
Sembra un arco di tempo cortissimo per permettere l’innesco di dinamiche così complesse ma, in realtà, è sufficiente per destabilizzare e compromettere la vita di questi ragazzi.
Osei e Dee verranno investiti dalla gelosia di Ian (Iago) che, affiancato da Rod (Roderigo) il fedele tirapiedi, escogiterà un piano diabolico per distruggere il legame tra i due innamorati.
Ian vuole il controllo assoluto della scuola, è il bullo, il ragazzo temuto da tutti che per questo ottiene tutto. Osei gli appare come un nemico, una persona forte e carismatica che ha saputo conquistare fin da subito la più desiderata della scuola. Ai suoi occhi va eliminato.
Ian, abile e crudele, instillerà pian piano il veleno della gelosia nella mente di Osei che inizierà a dubitare della luminosità della sua stella.
Per il ragazzino di colore, perdere la propria ancora di salvezza si rivela fatale,
Osei si era lasciato andare con Dee come non aveva mai fatto e ora si sente ferito e tradito.
Il piano ordito da Ian procede veloce e inesorabile fino al finale costellato da una serie di eventi concatenati e rapidissimi, una valanga di azioni che non si riescono a fermare e che portano all’inevitabile conclusione.
Quello della Chevalier è un romanzo tragico e potente che punta il dito su tematiche importanti e attualissime: il bullismo e il razzismo.
Il cortile della scuola si trasforma in un palcoscenico in cui fanno il loro ingresso le molteplici facce della società, il collegamento è sottile ma palese.
L’autrice è molto brava a tessere una trama che riprende l’opera di Shakespeare rendendola però moderna, attuale e di facile lettura.
La storia è molto indicata a un pubblico giovane sia per l’età dei personaggi (13 anni) sia per le tematiche trattate ma soprattutto per la scrittura fluida, semplice e cristallina.
Le sottigliezze riguardanti la società odierna probabilmente non verrebbero colte ma il messaggio che riguarda l’interazione razziale e il bullismo sono alla portata di un target molto giovane.
Questo romanzo è riuscito a stravolgermi e spaventarmi, mi ha colpito profondamente e mi ha fatto commuovere, la storia si legge tutta d’un fiato e lascia spiazzati e senza parole.
Non aggiungo altro e vi lascio a questo libro che consiglio vivamente.

Valutazione


AUTRICE: Tracy Chevalier (Washington, 19 ottobre 1962) è una scrittrice statunitense di romanzi storici.
Nel 1984 la Chevalier si è trasferita a Londra, dove vive tuttora con suo marito e suo figlio. La sua carriera è iniziata con La vergine azzurra, ma il suo più famoso libro è La ragazza con l'orecchino di perla un libro che immagina la creazione del quadro Ragazza col turbante (noto anche come La ragazza con l'orecchino di perla) di Jan Vermeer con cui nel 2001 vince il Premio Alex. Dal romanzo è stato tratto l'omonimo film.
Avendo lasciato il suo lavoro di redattrice letteraria nel 1993, cominciò un corso di scrittura creativa all'università dell'East Anglia. Suoi insegnanti sono stati Malcom Bradbury e Rose Tremain. (wikipedia)

Opere pubblicate:
-La vergine azzurra
-La ragazza con l'orecchino di perla
-Quando cadono gli angeli
-La dama e l'unicorno
-L'innocenza
-Strane creature
-L'ultima fuggitiva
-I frutti del vento
-Il ragazzo nuovo

OTELLO
Otello è un generale moro al comando delle truppe della Repubblica di Venezia, che ha sposato in gran segreto Desdemona, figlia del senatore Brabantio. Un nobile veneziano che ama Desdemona, Roderigo, viene però a sapere del matrimonio della donna da Iago, un soldato che prova risentimento nei confronti di Otello poiché ha preferito promuovere di grado l’amico Cassio al posto suo e poiché sospetta che Otello abbia giaciuto con sua moglie Emilia. Iago quindi induce Roderigo a svelare tutto al senatore Brabantio.
Brabantio, su tutte le furie, vorrebbe decapitare il povero Otello ma nel mentre giunge a Venezia la notizia che i Turchi stanno per attaccare Cipro. Il Doge vuole quindi sentire da Otello la sua versione dei fatti: quando Brabantio lo accusa d’aver sedotto la figlia ricorrendo alla stregoneria, Otello replica che il loro amore è sincero e che
Desdemona si è innamorata di lui colpita dalle tristi vicende della sua vita. La donna conferma questa versione dei fatti, e il processo si chiude così con l’assoluzione di Otello, anche se Brabantio instilla nel protagonista il dubbio che Desdemona potrebbe tradirlo.
Otello parte verso Cipro con Desdemona, il luogotenente Cassio, il perfido Iago e sua moglie Emilia. Otello infatti non nutre nessun risentimento nei confronti di Iago, che è riuscito a far ricadere la colpa della fuga di notizie su Roderigo. Una volta arrivato a Cipro ad Otello viene riferito che la flotta turca è affondata durante una tempesta: le truppe veneziane possono così darsi ai festeggiamenti. Iago architetta il suo piano, che inizialmente prevede di screditare Cassio agli occhi di Otello: Iago fa ubriacare Cassio e inscena una rissa tra lui e Roderigo, che Otello è costretto a sedare. Come conseguenza, Cassio è privato del suo grado militare. Iago, subdolamente, convince Cassio a chiedere a Desdemona diintercederepresso Otello per fargli riavere il grado che gli spetta; contemporaneamente, egli lascia intendere a Otello che ci sia una relazione amorosa tra Cassio e Desdemona. Così, quando Desdemona supplica il marito di reintegrare Cassio, Otello vi legge una prova di quanto insinuato da Iago, che, con molta abilità, ha usato a proprio vantaggio il rapporto di amicizia tra la donna e l’ex luogotenente di Otello.
Iago può quindi procedere alla seconda parte del suo piano: con l’aiuto dell’inconsapevole Emilia, Iago entra in possesso di un fazzoletto di Desdemona, che è il primo regalo fattole da Otello, e quindi sentimentalmente assai importante. Per di più, il fazzoletto, dono di una maga egizia, era stato affidato a Otello dalla madre sul letto di morte. Iago nasconde il fazzoletto nella stanza di Cassio, al fine di comprometterlo definitivamente e poi organizza una trappola per Otello: dicendogli di voler smascherare Cassio, lo fa nascondere nella stanza mentre lui parlerà con il rivale. Iago chiede a Cassio della sua relazione con una cortigiana, Bianca, ma Otello si inganna e crede ovviamente che Cassio si vanti d’aver sedotto Desdemona. Anche la reazione di Bianca alla scoperta del fazzoletto di Desdemona è utlizzata dallo scaltro Iago per il proprio tornaconto personale; egli convince Otello, che ha visto tutto, che la gelosia della donna sia dovuta alla relazione di Cassio con Desdemona.
Distrutto dal dolore e dalla gelosia, Otello è determinato ad uccidere la moglie e chiede a Iago di eliminare Cassio.
La situazione peggiora anche per un evento esterno: un messaggio portato Ludovico da parte del Doge richiama Otello in patria e assegna il comando di Cipro a Cassio. La gioia di Desdemona per il riscatto dell’amico Cassio e per poter tornare a Venezia con il marito sono interpretati da Otello, ormai folle di gelosia, come ulteriore prova del tradimento ormai consumato con Cassio, tanto che il generale schiafeggia e accusa in pubblico la moglie. Dopo una scenata di gelosia di Otello a Desdemona, Iago rassicura la donna sul fatto che il marito è stressato per questioni politiche. Quella sera Desdemona, in preda a un oscuro presagio, fa preparare il letto con le lenzuola nuziali da Emilia, che non ha idea dei piani orditi da suo marito Iago.
Subito dopo, egli sfrutta la passione infelice di Roderigo per Desdemona per indurlo a uccidere Cassio: Iago infatti inganna Roderigo, dicendogli che eliminare Cassio è l’unico modo per impedire che Desdemona parta con Otello per una fantomatica destinazione in Mauritania. Roderigo aggredisce Cassio in un’imboscata notturna, ma ha la peggio. Cassio viene ferito da Iago che, grazie alle tenebre, non viene riconosciuto e può quindi fingere di correre in soccorso dell’amico, dando il colpo di grazia a Roderigo, affinché non parli. Iago poi accusa del tentato delitto Bianca, imprigionandola.
Otello furioso e in preda a una cieca gelosia non è più in grado di ragionare: nell’ultimo incontro con Desdemona, Otello accusa la moglie di tradimento con Cassio e la inganna dicendole che il suo presunto amante è morto nell’agguato. Desdemona scoppia in lacrime e Otello la soffoca sul letto matrimoniale. All’arrivo di Emilia e degli altri personaggi, Otello confessa di aver ucciso la moglie e adduce come prova il fazzoletto ritrovato addosso a Cassio. Emilia comprende la verità e, nel momento in cui si accinge a svelarla, Iago, nel parapiglia generale, la uccide e poi fugge. Anche quando viene catturato, Iago si rifiuta di spiegare i motivi del suo agire, anche se una lettera di Roderigo chiarisce tutti i suoi intrighi. Otello, che ha capito il suo fatale errore, non resiste al rimorso e al dolore e si pugnala a morte, morendo sul corpo di Desdemona.

(http://www.oilproject.org)

Nessun commento:

Posta un commento