-->

30 dicembre 2017

"Ragazze Elettriche" di Naomi Alderman

Che dire? Un romanzo esplosivo!
Sono veramente contenta che questa sia una delle ultime recensioni dell’anno perché termino questo 2017 con un libro “elettrizzante”.
Ragazze elettriche non è la traduzione letteraria del titolo originale infatti, nella versione americana il libro è intitolato The power, un titolo perfetto per questo romanzo che non altro che la storia di come il potere deteriori le persone, le cambi e le porti a fare cose inimmaginabili.


Sono passati cinquemila anni dalla grande Catastrofe, un evento di proporzioni mondiali che ha cambiato completamente l’umanità.
Neil è un giovane studioso che, dopo lunghi anni di lavoro e ricerca, scrive un romanzo storico nel quale cerca di spiegare le cause che hanno provocato il tracollo della vita a livello sociale, politico e teologico.
Dieci anni prima della Catastrofe ci fu un enorme cambiamento, le donne iniziarono a sviluppare la capacità di produrre elettricità all’interno del loro corpo e di trasferirla all’esterno con le mani.
Un potere immenso che sovverte la condizione femminile in tutto il mondo!

C’è nell’aria l’odore di qualcosa,
come il profumo della pioggia dopo una lunga siccità.
Prima una persona, poi cinque, poi cinquecento,
poi interi villaggi, poi città, poi stati.
Un germoglio dopo l’altro, una foglia dopo l’altra.
Sta accadendo qualcosa di nuovo.
La portata dell’evento continua a crescere.


Che cosa accadrebbe se improvvisamente le donne potessero ribellarsi?
Immediatamente nei paesi in cui il dominio maschile è più forte, come Arabia Saudita, Europa dell’Est, Africa, le donne schiacciano i loro padroni e si vendicano.
In tutto il mondo eserciti di femmine furiose e impazzite si riversano nelle strade, è il caos.
Ogni zona è colpita in modo diverso: in alcuni stati ci sono vere e proprie guerre civili, in altri le donne sono discriminate perché considerate malate e pericolose, sempre più scienziati cercano di capire la causa di questo potere, di trovare una cura ma non è una malattia, non si può guarire.
Questo grande cambiamento è narrato attraverso quattro POV: Margot donna americana dalla splendida carriera politica disposta a tutto per proteggere le proprie figlie e per raggiungere gli apici più alti del sistema.
Roxy, figlia adolescente di un malavitoso inglese scopre di possedere una fonte
inesauribile di energia elettrica, è considerata la donna più forte in circolazione.
Allie, il personaggio più ambiguo del romanzo, una ragazza fragile e mentalmente malata che risorge da un passato di violenza e orrori per diffondere il nuovo credo. Una specie di nuovo messia che proclama un culto al cui centro c’è Maria, Dio Madre.
Infine c’è Tunde, un giornalista che fa del cambiamento la sua fonte di reddito.
Senza paura vola da una parte all’altra del globo per diffondere la vittoria delle donne sugli uomini.
Questi quattro personaggi ci racconteranno dieci anni di storia, anni in cui il mondo intorno a loro diventerà sempre più cupo, violento e sconvolgente.
Le donne domineranno ovunque, gli equilibri politici verranno distrutti, la nuova religione oscurerà quella vecchia, è l’inizio della grande Catastrofe che porterà l’umanità al punto di partenza.
Il messaggio lanciato dalla Alderman è terribilmente provocatorio: siamo così sicuri che, se le donne prendessero il potere, il mondo sarebbe un posto migliore?
Molti studiosi moderni lo ritengono probabile ma il pensiero di Naomi è chiaro e terribilmente fattibile: le donne si comporterebbero come gli uomini!
Il potere corrompe chiunque lo possieda!

Non conta la consapevolezza che non dovrebbe, che non lo farebbe mai.
Ciò che importa è che potrebbe farlo, se volesse.
Il potere di fare del male è uno stato di benessere.
Margot

Una visione fredda e crudele! Un’analisi accurata dell’animo umano, la
descrizione di una società in cui l’uomo si trasforma da padrone a vittima e viene schiacciato dalla violenza che le donne riversano su di lui.
Il cambiamento globale condurrà alla distruzione d’intere popolazioni e porterà l’umanità a retrocedere fino a rivivere nuovamente la Preistoria!
Ho apprezzato moltissimo la scelta di suddividere la storia nei vari POV, i miei preferiti sono sicuramente Roxy e Tunde, gli unici che, nel corso degli anni, si rendono conto dell’abominio che li circonda e provano a lottare per fermarlo.
Una storia elettrizzante che ci tiene incollati alle pagine.
Con ritmo serrato la Alderman ci conduce nella sua visione, le righe sono intrise di orrori, sangue  e violenza, non si può non leggere, non si può fermarsi anche se a volte sarebbe necessario per riprendere fiato, per respirare aria pulita!
Un libro complesso e grandioso, una scintilla che incendia, una luce che brilla!
Leggetelo!

Valutazione



Qualche curiosità
-Il nome dello scrittore che all’inizio del libro propone il suo saggio storico a Naomi è Neil Adam Armon, ovvero l’anagramma del nome della scrittrice!
-Da questo libro sarà tratta una serie TV, non vedo l’ora di vederla!
-Naomi Alderman ha avuto come mentore Margaret Atwood ed è coautrice di un app per smartphone chiamata Zombie, Run!, una sorta di programma di allenamento nel quale devi correre perché sei inseguito dagli zombie!!

AUTRICE: Naomi Alderman (Londra, 1974) è una scrittrice, blogger e autrice di videogiochi britannica.
Nata nel 1974 a Londra, cresce nella comunità degli Ebrei ortodossi.
Esordisce nel 2006 con il romanzo semi-autobiografico Disobbedienza che viene insignito dell'Orange Prize for New Writers. Margaret Atwood è stata sua mentore nel 2013.
Nel 2017 riceve il Baileys Women’s Prize for Fiction per il suo quarto romanzo Ragazze elettriche. È autrice e sviluppatrice di videogiochi e di app. (Wikipedia)

Nessun commento:

Posta un commento